RIFLESSIONI SUL DUALISMO IN CRANE.

Articolo correlato: CRANE E L’INTENZIONALISMO.

Articolo correlato: OGGETTO O CONTENUTO?

Sulla scia della non risoluzione del dualismo cartesiano, Crane sofferma la propria attenzione sulla diatriba esistente tra “monismo materialistia” e “fisicalismo”. Stando al primo, qualsiasi cosa è composta e costituita di materia. Per il secondo, al contrario, moltissime oggettualità – forze, onde, campi et similia – non sono sostanze. Il fisicalismo è – ontologicamente ed epistemologicamente – apriorico; tende a legittimare una vera e propria “copertura” totale su tutta quanta la realtà sensibile. Tutto ciò che occupa una dimensione spazio-temporale è ascrivibile a leggi e metodi derivanti dalla fisica. Tutto, quindi, si verifica ed è interpretabile per mezzo delle leggi fisiche. Il suo essere apriorico non significa negare l’approccio empirico, ma ripudiare la definizione (cartesiana) di materia. Si tratta, per lo più, di sottolineare come il Mondo sensibile appartenga alla fisica da un punto di vista epistemologico; i postulati possono poi divenire oggetto di verifiche e correzioni.

Secondo Crane una vera e propria idiosincrasia concettuale si origina quando tentiamo di far coesistere la “causalità della mente” – ovvero il riconoscere la possibilità che gli effetti fisici abbiano una causa mentale – con la “completezza” del fisicalismo – ovvero il sostenere che gli effetti fisici dipendano, solo e soltanto, da cause fisiche -. Procediamo con ordine.

Innanzitutto Crane si domanda se il dualismo sia inevitabile. E per farlo prende in considerazione due teorie, nel tentativo di evidenziare una possibile convergenza tra “mente” e “fisica”. La prima teoria è quella della “sovradeterminazione causale”; la seconda verte sul “principio d’identicità”.

Stando alla “sovradeterminazione causale (o degli effetti)”, la causa mentale può essere ritenuta alla stregua di una vera e propria “causa ulteriore”, rispetto a quella più prettamente di natura fisica. La sovradeterminazione causale si verifica quando un effetto fisico ha più di una causa. Secondo questa teoria, l’evento in questione produce l’effetto (preso in esame) grazie al verificarsi di una sola tra le sue cause. Pensiamo a due persone che sparano due colpi di pistola (indipendenti gli uni dagli altri, ma entrambi letali) ad un uomo: nel caso in cui un colpo non andasse a segno, l’altro produrrebbe, ad ogni modo, l’effetto di ucciderlo. Dobbiamo, quindi, accettare la dinamica secondo la quale le cause mentali e fisiche non sovradeterminino i loro effetti fisici. Il problema concettuale è che una tale non sovradeterminazione finisca inevitabilmente col negare la causalità stessa: se A (gli spari) è la causa di B (la morte dell’uomo), allora se A non si verifica, B non accade. Ma abbiamo appena detto che qualora uno sparo dovesse mancare il proprio bersaglio, l’uomo morirebbe comunque! Quindi è una soluzione che non scioglie il dualismo di cui sopra.

Crane sostiene come una soluzione filosofica potrebbe trovarsi nel “principio di identicità”: le cause mentali sono identiche alle cause fisiche. C’è una sola causa. E nessuna sovradeterminazione. Le cause mentali sono le stesse di quelle fisiche – e, ovviamente, risiedono nel cervello -. L’identicità tra mente e corpo risolve l’impasse dualistico di cui sopra. La identicità si presenta sotto un duplice aspetto:

  1. tra eventi (mentali e fisici);
  2. tra proprietà (mentali e fisiche).

Nel primo caso, le cause sono eventi; nel secondo, proprietà.

Il principio di identicità nega il “fisicalismo eliminativo” e spalanca le porte al “riduzionismo”. Il primo sottolinea come non esista nulla di mentale: né eventi né proprietà. Il riduzionismo, dal canto suo, non implica che un qualcosa venga trasformato in qualcos’altro; si tratta, invece, di cogliere la ragione che possa permettere d’identificare A con B. Ma attenzione! La riduzione non implica l’identità A=B, perché la riduzione, a differenza dell’identicità, non è simmetrica: se riduco A a B, non posso dire che A=B perché B≠A.

Ricordati di votare l’articolo, se vuoi, utilizzando il tasto rate this all’inizio del post.

OGGETTO O CONTENUTO?

Articolo correlato: CRANE E L’INTENZIONALISMO.

Chiarito come l’intenzionalità di ciascuno stato mentale si costituisca sia della direzionalità stessa – l’oggetto verso cui si dirige il pensiero – sia della mera aspettualità – la forma (relativa e prospettica) di ciò che osserviamo -, resta da comprendere quale tipo di rapporto esista tra l’oggetto intenzionale (il primo) ed il contenuto intenzionale (il secondo). Nel primo caso, come abbiamo visto, è la direzionalità a caratterizzare lo stato intenzionale; al contrario, nel secondo caso, è l’aspettualità a svolgere tale funzione. La domanda, infatti, che dovremmo porci è la seguente: “L’ascrizione di uno stato intenzionale verte specificatamente sull’oggetto intenzionale o sul contenuto intenzionale?”.

Crane sostiene che la struttura di uno stato intenzionale possa essere descritta nel modo seguente:

Soggetto → Modo intenzionale → Contenuto

I modi intenzionali sono le relazioni che intercorrono tra il “pensante” ed il contenuto del suo stesso stato intenzionale. Un esempio di modo intenzionale è rappresentato dal cosiddetto “atteggiamento proposizionale”. Il contenuto di molti stati intenzionali è, infatti, proposizionale, ovvero suscettibile di essere vero o falso; ad esempio, una credenza o un enunciato può essere ascritto come “contenuto proposizionale”. Gli stati mentali che si costituiscono di simili contenuti vengono generalmente identificati come “atteggiamenti proposizionali”, per l’appunto. Ora, il punto è che, all’interno della struttura presentata da Crane, la relazione sussiste tra lo stato intenzionale ed il contenuto (aspettualità) e non tra lo stato intenzionale e l’oggetto (direzionalità).

Secondo il filosofo «[…] il contenuto dello stato deve sempre esistere, l’oggetto dello stato può non esistere.» Difatti, già avevamo notato, come gli oggetti intenzionali possano essere esistenti, schematici e/o privi di sostanzialità; tant’è che gli stati intenzionali stessi vengono ascritti ora in modo “intensionale” ora in modo “estensionale”. In poche parole, potremmo risolvere il tutto seguendo questa formula: “posso pensare al nulla, ma non potrò mai pensare nulla”. Se l’oggetto, verso cui dirigiamo la mente, non dovesse esistere – pensiamo, ad esempio, a Pegaso -, allora il nulla “dominerebbe” il nostro stato intenzionale. Ma questo “nulla” avrà sempre un contenuto – due ali, quattro zampe, possenti zoccoli, un manto bianco e via discorrendo –.

Dato che non tutti gli oggetti intenzionali esistono, non è possibile costituire una classe che li racchiuda tutti quanti. Quindi, non tutti gli stati intenzionali hanno relazioni con i propri oggetti intenzionali (i relata degli stati medesimi) – come abbiamo appena potuto constatare -. E visto che i pensieri concernono (anche) oggetti inesistenti, ne segue che «non tutti i pensieri sono relazioni tra chi pensa e ciò che tali pensieri concernono.» Ma ci sono anche tanti pensieri che hanno una relazione con altrettanti oggetti intenzionali. Si tratta quindi di suddividere in due categorie il pensiero lato sensu:

  1. pensiero “ampio” – o “dottrina dell’esternalismo”, che afferma come tutti gli stati intenzionali siano ampi -;
  2. pensiero “stretto” – o “dottrina dell’internalismo”, che sostiene, al contrario, come alcuni stati intenzionali siano, invece, stretti -.

In genere l’esternalismo implica che, in quanto tale lo stato mentale, l’oggetto intenzionale sarà sempre esistente. Una frase banale del tipo “Cesare attraversò il Rubicone” veicola il pensante a ritenere esistenti sia Cesare che il suddetto fiume, ad esempio.

L’internalismo non nega che i pensieri possano vertere (anche) su oggetti reali. Sostiene, invece, come gli stati mentali, che si riferiscono ad oggetti inesistenti, siano stretti. Ma questa “strettezza” può essere anche molto sottile – concettualmente parlando -: una frase del tipo “questa mela sembra gustosa”, in un’ottica internalista, implica uno stato intenzionale costituito di un oggetto inesistente. Il pensiero – in questo caso il mero “sembra gustosa” – non giustifica l’esistenza ontologica dell’oggetto. Perché, indipendentemente dal fatto di osservare o meno la mela, il pensiero medesimo esisterebbe anche qualora la stessa non fosse presente. Ecco perché, nel nostro caso, il pensiero non è una relazione con la mela. In sintesi: può esistere un pensante e la cosa pensata, ma senza che tra di essi sussista una relazione. Se, infatti, il pensiero avesse una relazione con l’oggetto, allora quest’ultimo sarebbe necessario per l’esistenza dello stato mentale stesso. Per gli internalisti, dunque, è fondamentale saper distinguere quando l’oggetto del pensiero è una cosa reale e quando, invece, è una cosa essenziale. Se un pensiero è “compatibile” con l’assenza del suo oggetto, allora è un pensiero stretto.

Ricordati di votare l’articolo, se vuoi, utilizzando il tasto rate this all’inizio del post.

CRANE E L’INTENZIONALISMO.

Le argomentazioni di Crane, in seno alla filosofia della mente, vertono tutte sul concetto di “intenzionalità”. Concetto che potremmo interpretare in un’ottica profondamente fenomenologica; ovvero come la “direzionalità della mente verso l’oggetto dello stato intenzionale medesimo”. Crane sostiene che essa sia fondamentale in qualsiasi attività mentale (e, dunque, percettiva). Talmente rilevante da permettergli di coniare il termine “intenzionalismo”, tramite il quale il filosofo intende “racchiudere” ogni stato mentale costituito (per l’appunto) dall’intenzionalità. Non esiste attività mentale che non sia diretta – in modo intenzionale – verso un qualcosa. Ovvero – come vedremo – tutti gli stati mentali sono intenzionali per il filosofo.

L’intenzionalità si fonda sulla prospettiva. O, per essere più precisi, su di un preciso punto di vista (prospettico). Ciò che costituisce suddetto punto di vista è, in primis, l’oggetto che legittima la direzionalità stessa del pensiero – ovvero ciò che stiamo osservando o pensando – e, in secundis, la “forma aspettuale” dell’oggetto medesimo. Ciò che costituisce uno stato intenzionale, infatti, assume sempre una forma. In poche parole, tutto quello che osserviamo lo osserviamo sotto un preciso aspetto. Un aspetto parziale e determinato dal punto di vista prospettico.

Gli oggetti intenzionali possono essere “ordinari” e costituiti di una natura ben precisa. Possono essere quindi “sostanziali”. Ma non solo. Anche una mera attività, ad esempio, può essere un qualcosa verso il quale possa dirigersi un pensiero mentale. Stesso discorso vale per gli oggetti inesistenti. O per le idee “sistemiche” nei riguardi delle quali l’attenzione della mente non verte verso la “sostanzialità” (inesistente) dell’oggetto stesso ma, bensì, verso la funzione posta in essere – ad esempio, la funzione grammaticale esperita dai verbi transitivi -. Dunque, con il termine di “oggetto intenzionale” si deve indicare “tutto ciò verso cui si rivolge la mente quando essa stessa si trova in uno stato intenzionale” – ovvero quando essa stessa è diretta verso il contenuto del suo stesso pensiero -.

L’intenzionalità, quindi, non è rivolta solo e soltanto verso gli oggetti sostanziali. Essa stessa, più che altro, implica il fatto che si possa “ascrivere” stati ora “intensionali” ora “estensionali”. La differenza verrà meglio spiegata in seguito.

Ricordati di votare l’articolo, se vuoi, utilizzando il tasto rate this all’inizio del post.