SOLONE E L’UNIVERSALITÀ DELLA GIUSTIZIA.

Articolo correlato: ESIODO E IL PROBLEMA DEL VIVERE (IN)GIUSTAMENTE.

Solone, dal canto suo, non pare in grado di risolvere l’impasse di Esiodo secondo la quale l’ingiusto, vivendo in una città di giusti, sarà esentato dalla punizione divina. La proposta di Solone, infatti, finisce addirittura con il rendere ancora più problematico l’intero disquisire attorno al tema della Giustizia e del “vivere rettamente” all’interno di una comunità. L’ateniese è convinto che la Giustizia – dikē – sia divina. Così come divino resta l’intervento di Zeus e delle altre Divinità al fine di punire chi, in vita, sia andato macchiandosi di reati e colpe gravi. Il problema evidenziato nel trattare il punto di vista di Esiodo, ad ogni modo, deve, però, essere risolto.

Nel tentativo di scongiurare l’accettazione dell’idea stando alla quale l’ingiusto sia in grado di evitare la collera degli Dei “sfruttando”, per l’appunto, coloro che, al contrario di lui, hanno deciso di vivere secondo virtù, Solone radicalizza l’affermazione del poeta. Può anche darsi, sostiene l’ateniese, che un uomo ingiusto riesca a farsi beffe della punizione celeste ma, ad ogni modo, se ha peccato durante la propria vita terrena, allora non vi è dubbio alcuno che a pagare per queste sue colpe saranno i suoi figli. O i figli dei suoi figli. La questione, però, si complica oltremodo.

Sebbene, così facendo, Solone  ponga le basi per una “certezza” della pena che, presto o tardi, verrà posta in essere dagli Altissimi, l’intera problematica, che avevamo intuito sorgere all’interno delle disquisizioni di Esiodo, ne esce – addirittura! – rafforzata. Non soltanto, infatti, il figlio sarà chiamato a pagare per colpe da lui non commesse ma, secondo tale riflessione, il padre potrebbe essere tranquillamente “legittimato” a comportarsi come meglio crede – sia per mera avidità sia per ignoranza circa suddetta “ereditarietà” dei reati da lui commessi -. L’interrogativo, dunque, resta sempre lo stesso: “Che senso potrebbe mai avere il vivere rettamente, se poi tanto si è chiamati a pagare per colpe da noi non commesse?”. O ancora: “Perché mai dovremmo vivere secondo virtù, quando potremmo tranquillamente commettere qualsiasi tipo di reato con la speranza – o certezza – di riuscire ad evitare la collera celeste?”.

Possiamo sostenere che, dal punto di vista del padre, considerando l’importanza che la “famiglia” ricopre all’interno della Grecia Antica, la posizione di Solone abbia, indubbiamente, una propria forza. Ciascun padre desidera il bene dei propri figli e, quindi, a meno che non sia il più spregevole degli uomini – o il più stolto tra gli stessi -, cercherà di rispettare la Giustizia, così che i suoi discendenti possano vivere sereni e al riparo da qualsivoglia forma di intervento divino.

Ma cosa dire del figlio?

Il problema risiede proprio all’interno del suo punto di vista. Vivere rispettando la legge ed il prossimo può non bastare, se su di noi incombe la punizione celeste. L’idiosincrasia è proprio questa: la “Universalità della Giustizia” – “presto o tardi, l’intervento degli Dei giungerà” – può (anche) far sì che il giusto non sia protetto dalla Giustizia stessa – il figlio che, privo di colpe, paga, per l’appunto, per reati da lui non commessi –.

In Solone, come in Esiodo, resta ferrea e certa la fede nella Giustizia. Ma si riducono – sempre di più – gli argomenti posti a sua a difesa. Vedremo come in Eraclito il tutto finisca con il complicarsi ulteriormente.

Ricordati di votare l’articolo, se vuoi, utilizzando il tasto rate this all’inizio del post.