LA “TRIPLICE DISCIPLINA BUDDISTA”: PARTE SECONDA.

Articolo correlato: LA “TRIPLICE DISCIPLINA BUDDISTA”: PARTE PRIMA. Colto l'indistricabile legame tra prajina e dhyana, come risvegliare la propria "auto-natura", ovvero come riscoprire il nostro vero "io"? Come passare dal relativo che viviamo all'Assoluto? Come arrivare al satori partendo dal mayoi ("smarrimento")? Il grande ostacolo è costituito dalla nostra mente o, per essere più precisi, dal fatto che essa - … Leggi tutto LA “TRIPLICE DISCIPLINA BUDDISTA”: PARTE SECONDA.

LA “TRIPLICE DISCIPLINA BUDDISTA”: PARTE PRIMA.

La "Triplice Disciplina Buddista" è composta da sila - "moralità" -, dhyana - "meditazione" - e prajina - "saggezza" -. Sila è un vero e proprio codice etico, in quanto costituito da tutti gli insegnamenti lasciati dal Buddha ai propri discepoli, affinché in quest'ultimi possa schiudersi il satori. Non assume, dunque, la fisionomia del precetto, del tabù, della restrizione e via … Leggi tutto LA “TRIPLICE DISCIPLINA BUDDISTA”: PARTE PRIMA.

LA SAGGEZZA COME RIMEDIO AI MALI DELLA VITA.

Il maestro Kokushi sottolinea la necessità di una profonda corrispondenza tra "virtù" e "saggezza" al fine di condurre una esistenza dedita allo Zen e al satori. La virtù non esercitata saggiamente ma, anzi, viziata dall'ignoranza, rappresenta una triplice avversità per la vita dell'uomo. Innanzitutto, comportarsi rettamente al fine di sperare e/o addirittura esigere un "qualcosa in cambio" che … Leggi tutto LA SAGGEZZA COME RIMEDIO AI MALI DELLA VITA.

BUDDISMO ZEN: IL KOAN E LO ZAZEN.

Abbiamo detto che per il perseguimento del satori sia di fondamentale importanza "allenare la mente". La motivazione è tanto ovvia quanto "banale": l'Illuminazione altro non è, infatti, che uno stato mentale, caratterizzato dal superamento dell'interpretazione logico/razionale della realtà e dalla comprensione del relativo che diviene Assoluto. Le pratiche "congeniali" che possono permettere e rendere possibile … Leggi tutto BUDDISMO ZEN: IL KOAN E LO ZAZEN.

SUPERARE IL POSSESSO PER SUPERARE IL DOLORE.

Come affrontare il dolore? Piangere e disperarsi per la dipartita di una persona cara sono da considerarsi azioni capaci di allontanarci dallo Zen? Può la Via che conduce al satori essere "incompatibile" con la esternazione di sentimenti angoscianti e alimentati da una profonda afflizione? Quanto andremo affermando adesso può apparire anche (dannatamente) cinico ma, ancora … Leggi tutto SUPERARE IL POSSESSO PER SUPERARE IL DOLORE.

LO “SCHIUDERSI” DELLO ZEN: SATORI.

Giungere e cogliere lo Zen significa afferrare un nuovo punto di vista sulla realtà. Lo abbiamo già sostenuto. Trattasi di una lettura e di una visione del Mondo non più dualistica, ovvero fondata sulla contiguità o dicotomia tra "vero/falso" o " giusto/sbagliato", e via discorrendo. Siamo oltre la logica o, per essere più precisi, oltre … Leggi tutto LO “SCHIUDERSI” DELLO ZEN: SATORI.

LO ZEN COME AFFERMAZIONE.

Si prenda in considerazione il seguente koan del maestro Shou-Shan (926-992): «Osservate questo shippe - (bastone) -! Chiamatelo shippe, e voi affermate; non chiamatelo shippe, e voi negate. Ora non affermate e non negate: come definite ciò? Parlate, parlate! Il suddetto koan è illuminante. Per una duplice ragione. In primis, evidenzia il ruolo del maestro. Egli si limita … Leggi tutto LO ZEN COME AFFERMAZIONE.

BUDDHISMO ZEN E NICHILISMO.

Abbiamo già sottolineato più volte come lo Zen non debba essere paragonato ad una mera lettura nichilistica della realtà. Lo Zen, infatti, è affermazione. Allo stato puro. Sempre e comunque. L'errore in cui possiamo imbatterci e che potrebbe condurci a ritenere l'essenza dello Zen esprimibile in una negazione della Vita, risiede nel fatto che lo stesso travalica - … Leggi tutto BUDDHISMO ZEN E NICHILISMO.

LO ZEN COME SUPERAMENTO DELLA LOGICA.

Dobbiamo prendere consapevolezza di un fatto. Lo Zen può apparire tanto illogico quanto paradossale. Non nel senso che esso sia privo di significato. Al contrario. Più che altro significa che per coglierlo e cercare di comprenderlo diviene necessario abbandonare ogni forma di sillogismo e di interpretazione logica della realtà. Attenzione. Non si tratta di negare … Leggi tutto LO ZEN COME SUPERAMENTO DELLA LOGICA.