COLUI CHE OSÒ SFIDARE L’OLIMPO.


Il nome di Prometeo significa “previdente”, “lungimirante”, “accorto” et similia. È uno dei pochi titani a schierarsi dalla parte degli Olimpici durante la Titanomachia. All’interno della mitologia classica, Prometeo viene ritenuto essere il salvatore del genere umano – se non il suo stesso creatore -. Il mito si sviluppa a seguito di un incarico ben preciso affidatogli dal nuovo Signore dell’Olimpo, Zeus: creare un legame di duratura e necessaria reciprocità tra gli Olimpici e gli “effimeri”, ovvero i mortali. Mentre, infatti, a suo fratello Epimeteo spetta il compito di porre in essere tutte quelle leggi della Natura in grado di regolare la vita degli animali, a Prometeo tocca l’onere di comprendere come salvaguardare il futuro dell’uomo. Sia dalla furia degli elementi che dai capricci degli Dei.

Il furto del fuoco – elemento verso il quale i poveri mortali vengono continuamente attratti, a causa dei fulmini lanciati da Zeus contro il verde Creato – è particolarmente simbolico, in effetti. Prometeo incarna la concezione classica del concetto di libertà. Una libertà assunta nel suo significato più prettamente “negativo” – non che questo debba farci confondere in seno a valutazioni di tipo prettamente morale -: nella cultura classica la libertà individuale è ritenuta sacrificabile nei riguardi degli interessi generali e collettivi dell’intera comunità. Prometeo, dunque, rappresenta il sacrificio del singolo, necessario alla salvezza dei più. Ma il furto del fuoco cela particolari e profondi significati: è tramite questo elemento che gli uomini non solo imparano ad onorare gli Dei, tramite i sacrifici eseguiti in loro onore, ma, bensì, anche ad ingannarli – come dimostra l’episodio del rito rivolto a Zeus, il quale può compiacersi solo delle ossa e della pelle dell’animale sacrificato; quest’ultimo, infatti, viene prima volutamente reciso lungo tutto il basso ventre, di modo che, una volta sollevato in aria in segno di dono, la sua carne e le sue viscere cadano a terra e restino così a disposizione dei mortali -.

La stessa diffusione dell’uso della parola è l’ennesima intuizione che spinge il titano a comprendere di quali mezzi l’uomo si debba subito attrezzare per veder salva la propria stirpe – e circa l’importanza del linguaggio in riferimento al mito strincto sensu (inteso, quindi, come vero e proprio “universo simbolico” di riferimento) restano tutt’oggi vaste le speculazioni sia filosofiche che sociologiche -.

La lungimiranza di Prometeo è talmente protratta nel lungo periodo, che egli stesso ha modo di prevedere quali punizioni Zeus riserverà alla stirpe dei mortali. Come la diffusione, nelle loro primitive menti, dell’intelligenza – per opera di Minerva – o la costruzione della prima donna, affinché possano lottare per ritagliarsi le sue grazie ed attenzioni – incarico questo affidato al Dio Efesto -. Ma sono punizioni che il titano ha ben compreso essere del tutto terapeutiche. Fondamentali e necessarie cioè per la salvezza futura dell’intera razza umana.

La parte più tragica del mito è il supplizio imposto a Prometeo ed al quale il titano deve sottostare per il trascorrere di numerose generazioni mortali: incatenato sull’inospitale Caucaso e costretto a venire seviziato di giorno da un’aquila reale, mentre ogni notte le sue ferite continuano a rimarginarsi fino all’alba seguente, dando così mai fine alla sua pena. La sua salvezza avviene per mano di Eracle (Ercole), inviato per volontà dello stesso Zeus; a testimoniare, quindi, come tutto quanto il mito non sia altro che un inno rivolto all’uomo e ai sacrifici da esso stesso sopportati per affermare il proprio diritto di venire ed esistere al Mondo.

Ricordati di votare l’articolo, se vuoi, utilizzando il tasto rate this all’inizio del post.

Annunci

Commenta

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...