IL VESAK.


Il Vesak è una delle feste più importanti per i buddisti e, sebbene possa venire celebrato in modo diverso da comunità a comunità, questo avvenimento va affidandosi alla esecuzione di varie cerimonie universalmente diffuse e riconosciute all’interno del panorama buddista. Viene considerato tra i giorni “più ideali” per dedicarsi alla pratica meditativa e per la realizzazione di azioni compassionevoli e misericordiose. L’intero “aspetto spirituale” della festività viene consumato entro i templi: qui, giovani ed anziani vanno recandosi, portando offerte di fiori, di cibo e di bastoncini d’incenso da accendere ai piedi della statua del Buddha. Si intonano vari mantra e si rende omaggio ai Tre Gioielli: Buddha, Dharma e Sangha.

Durante la celebrazione del Vesak viene riaffermata la determinazione all’osservanza degli otto precetti:

  • non uccidere alcun essere vivente;
  • non compiere atti sessuali illeciti;
  • non consumare bevande inebrianti e non fare uso di alcun tipo di droga;
  • non consumare cibi nei tempi non dovuti;
  • non rubare;
  • non dire menzogne;
  • non usare oggetti di lusso;
  • astenersi da ogni spettacolo e/o azione indecente e non ornare il proprio corpo.

Durante la festività del Vesak non si può consumare alcun tipo di carne… l’invito, quindi, è quello di affidarsi – almeno per i due giorni nei quali dura la festa! – ad una alimentazione esclusivamente vegetariana. Inoltre, la celebrazione del Vesak consiste anche nel portare conforto e vicinanza ai più sfortunati, quali poveri e senzatetto. Per questa ragione, tanto i monaci quanto i fedeli sono invitati alla distribuzione di cibo e bevande presso i bisognosi e/o alla visita di istituzioni caritatevoli quali ospedali, ospizi e orfanotrofi.

È importante ricordare come il Vesak non sia da intendersi alla stregua di una festa privata e personale: ogni forma di gioia e serentà deve essere condivisa all’interno della comunità. Ecco perché ci si dedica alla decorazione ed illuminazione dei templi, alla pittura, alla realizzazione dei mandala e di varie e differenti rappresentazioni concernenti la vita del Buddha. Durante le cerimonie collettive e le processioni attorno ai templi, si lasciano, inoltre, numerosi doni ai monaci e si consumano assieme i pasti. Il tutto mentre campane e tamburi annunciano, a gran voce, l’arrivo ed il proseguo della festività.

Tutti i festeggiamenti che accompagnano il Vesak – dall’accensione di lumi, candele e lanterne allo sventolio di bandiere, dalle processioni agli spettacoli di varia natura, dai canti alla liberazione di animali quali gli uccelli, ecc. – non devono essere recepiti come spogli di una profonda valenza spirituale. La sacralità del Vesak deve sempre restare manifesta! Ecco perché si è invitati a vestire in modo salubre – generalmente di bianco-, a non fare mostra di gioielli e/o beni di lusso e a non truccare il proprio corpo. L’invito che ci rivolge la festa, infatti, è quello di rinnovare il proprio impegno a seguire gli insegnamenti del Buddha e a fare affidamento ad una sana e genuina arte meditativa.

Il Vesak viene celebrato durante l’ultimo fine settimana del mese di Maggio.

Ricordati di votare l’articolo, se vuoi, utilizzando il tasto rate this all’inizio del post.

Commenta

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...