SCHOPENHAUER TRA INTELLETTO E VOLONTÀ.

Articolo correlato: SCHOPENHAUER: LA VOLONTÀ DI VIVERE. Articolo correlato: IL PERSISTERE DELLA VITA. Articolo correlato: NATURA E RITORNO IN SCHOPENHAUER. Articolo correlato: SCHOPENHAUER: TEMPO ED ETERNITÀ. Articolo correlato: CADUCITÀ DELL’IO ED INFINITÀ DELLA VITA. Per comprendere il significato che il termine "conoscenza" acquisisce all'interno del pensiero di Schopenhauer, è fondamentale ricordare quanto già sostenuto circa l'intelletto e … Leggi tutto SCHOPENHAUER TRA INTELLETTO E VOLONTÀ.

CADUCITÀ DELL’IO ED INFINITÀ DELLA VITA.

Articolo correlato: SCHOPENHAUER: LA VOLONTÀ DI VIVERE. Articolo correlato: IL PERSISTERE DELLA VITA. Articolo correlato: NATURA E RITORNO IN SCHOPENHAUER. Articolo correlato: SCHOPENHAUER: TEMPO ED ETERNITÀ. Schopenhauer è convinto che ogni essere vivente, in quanto tale, sia di per sé "necessario". Questo perché «se egli potesse mai non essere, già ora non sarebbe». All'interno dell'infinità che … Leggi tutto CADUCITÀ DELL’IO ED INFINITÀ DELLA VITA.

SCHOPENHAUER: TEMPO ED ETERNITÀ.

Articolo correlato: SCHOPENHAUER: LA VOLONTÀ DI VIVERE. Articolo correlato: IL PERSISTERE DELLA VITA. Articolo correlato: NATURA E RITORNO IN SCHOPENHAUER. Dobbiamo adesso iniziare a riflettere attorno al concetto di "tempo", di modo da approfondire ulteriori dinamiche fondamentali del pensiero di Schopenhauer, come quella di "eternità" e di "specie", ad esempio. Schopenhauer sostiene che, sebbene ciascun essere vivente … Leggi tutto SCHOPENHAUER: TEMPO ED ETERNITÀ.

NATURA E RITORNO IN SCHOPENHAUER.

Articolo correlato: SCHOPENHAUER: LA VOLONTÀ DI VIVERE. Articolo correlato: IL PERSISTERE DELLA VITA. Mai parole possono dirsi più chiare, qualora volessimo comprendere la concezione di Schopenhauer del Mondo della Natura: Quel che essa dice è: la morte o la vita dell'individuo non hanno nessuna importanza. Questo essa esprime cioè con l'abbandonare la vita di ogni animale, e … Leggi tutto NATURA E RITORNO IN SCHOPENHAUER.

IL PERSISTERE DELLA VITA.

Articolo correlato: SCHOPENHAUER: LA VOLONTÀ DI VIVERE. Riprendiamo nuovamente la riflessione circa la paura della morte. Alle considerazioni di rimando epicureo che Schopenhauer fa proprie al fine di spiegare come non si debba considerare il "non essere" un male, ne segue subito un'altra, dal forte carattere empirico. Secondo il filosofo, infatti, la paura di morire va … Leggi tutto IL PERSISTERE DELLA VITA.

SCHOPENHAUER: LA VOLONTÀ DI VIVERE.

Uno dei grandi - direi, "grandissimi" - temi del pensiero filosofico di Schopenhauer resta, senza ombra di dubbio alcuno, quello della morte. La morte è, difatti, una dinamica concettuale particolarmente rilevante e tale da permettere al filosofo di approfondire ulteriori argomentazioni di grande spessore. Ritengo inoltre le riflessioni sul trapasso, sul dolore e sulla caducità della … Leggi tutto SCHOPENHAUER: LA VOLONTÀ DI VIVERE.

CONSIDERAZIONI SUL CONCETTO DI PERCEZIONE.

Articolo correlato: CRANE E L’INTENZIONALISMO. Articolo correlato: OGGETTO O CONTENUTO? Articolo correlato: RIFLESSIONI SUL DUALISMO IN CRANE. Articolo correlato: DALL’ANTIRIDUZIONISMO ALL’EMERGENTISMO. Articolo correlato: INTRODUZIONE AI “QUALIA”. Articolo correlato: INTENZIONALISMO FORTE ED INTENZIONALISMO DEBOLE. Articolo correlato: PENSIERO E CREDENZA. La percezione, sostiene Crane, si sviluppa attorno al contrasto tra due idee. La prima verte sull'immediatezza dell'esperienza visiva, ovvero l'idea che all'interno (e per mezzo) … Leggi tutto CONSIDERAZIONI SUL CONCETTO DI PERCEZIONE.

PENSIERO E CREDENZA.

Articolo correlato: CRANE E L’INTENZIONALISMO. Articolo correlato: OGGETTO O CONTENUTO? Articolo correlato: RIFLESSIONI SUL DUALISMO IN CRANE. Articolo correlato: DALL’ANTIRIDUZIONISMO ALL’EMERGENTISMO. Articolo correlato: INTRODUZIONE AI “QUALIA”. Articolo correlato: INTENZIONALISMO FORTE ED INTENZIONALISMO DEBOLE. I pensieri e le credenze appartengono a "categorie metafisiche" differenti. I pensieri sono atti mentali - e, quindi, veri e propri eventi -; le credenze, al contrario, sono … Leggi tutto PENSIERO E CREDENZA.

INTENZIONALISMO FORTE ED INTENZIONALISMO DEBOLE.

Articolo correlato: CRANE E L’INTENZIONALISMO. Articolo correlato: OGGETTO O CONTENUTO? Articolo correlato: RIFLESSIONI SUL DUALISMO IN CRANE. Articolo correlato: DALL’ANTIRIDUZIONISMO ALL’EMERGENTISMO. Articolo correlato: INTRODUZIONE AI “QUALIA”. Definiti i qualia ed appurato come anche gli stati mentali qualitativi possano essere ricondotti all'intenzionalità, Crane opera una distinzione tra "intenzionalismo debole" ed "intenzionalismo forte". L'intenzionalismo debole afferma, per l'appunto, che tutti i contenuti mentali siano … Leggi tutto INTENZIONALISMO FORTE ED INTENZIONALISMO DEBOLE.

INTRODUZIONE AI “QUALIA”.

Articolo correlato: CRANE E L’INTENZIONALISMO. Articolo correlato: OGGETTO O CONTENUTO? Articolo correlato: RIFLESSIONI SUL DUALISMO IN CRANE. Articolo correlato: DALL’ANTIRIDUZIONISMO ALL’EMERGENTISMO. A fianco dell'intenzionalismo - secondo il quale ogni stato mentale si costituisce, per l'appunto, di intenzionalità -, Crane menziona anche il "non intenzionalismo", dottrina per la quale non tutti gli stati mentali debbano, per forza di cose, presentarsi come … Leggi tutto INTRODUZIONE AI “QUALIA”.

DALL’ANTIRIDUZIONISMO ALL’EMERGENTISMO.

Articolo correlato: CRANE E L’INTENZIONALISMO. Articolo correlato: OGGETTO O CONTENUTO? Articolo correlato: RIFLESSIONI SUL DUALISMO IN CRANE. Il principio d'identicità - ovvero la riduzione (ontologica) della mente al corpo - risolve, concettualmente parlando, il problema dell'interazione causale tra mente e fisicalismo. Ma si tratta di una teoria non accettabile dato che sostiene come due entità, per condividere le … Leggi tutto DALL’ANTIRIDUZIONISMO ALL’EMERGENTISMO.

RIFLESSIONI SUL DUALISMO IN CRANE.

Articolo correlato: CRANE E L’INTENZIONALISMO. Articolo correlato: OGGETTO O CONTENUTO? Sulla scia della non risoluzione del dualismo cartesiano, Crane sofferma la propria attenzione sulla diatriba esistente tra "monismo materialistia" e "fisicalismo". Stando al primo, qualsiasi cosa è composta e costituita di materia. Per il secondo, al contrario, moltissime oggettualità - forze, onde, campi et similia - non sono sostanze. … Leggi tutto RIFLESSIONI SUL DUALISMO IN CRANE.

OGGETTO O CONTENUTO?

Articolo correlato: CRANE E L’INTENZIONALISMO. Chiarito come l'intenzionalità di ciascuno stato mentale si costituisca sia della direzionalità stessa - l'oggetto verso cui si dirige il pensiero - sia della mera aspettualità - la forma (relativa e prospettica) di ciò che osserviamo -, resta da comprendere quale tipo di rapporto esista tra l'oggetto intenzionale (il primo) ed … Leggi tutto OGGETTO O CONTENUTO?