LE MONADI EGOLOGICHE.


Articolo correlato: INTRODUZIONE AD HUSSERL: “IO” E “CORPO”.

Articolo correlato: DALL’EGO ALL’ALTER EGO.

Articolo correlato: DATITÀ FISICA E DATITÀ PSICOLOGICA.

Articolo correlato: OLTRE L’ATTEGGIAMENTO NATURALE.

Articolo correlato: I VISSUTI HUSSERLIANI.

Articolo correlato: LA RIDUZIONE FENOMENOLOGICA.

Articolo correlato: SOLIPSISMO ED INGANNO FENOMENOLOGICO.

Articolo correlato: IMMANENZA E TRASCENDENZA IN HUSSERL.

Articolo correlato: LA DOPPIA RIDUZIONE DELLA FENOMENOLOGIA.

Articolo correlato: LA CORRENTE DI COSCIENZA HUSSERLIANA.

Come abbiamo già avuto modo di vedere, l’empatia, secondo Husserl, è l’esperienza intenzionalmente rivolta che giustifica la percezione degli alter ego. Ed essendo, quindi, frutto della nostra coscienza percettiva, anche su di essa può essere apportata una duplice riduzione fenomenologica:

  1. una prima riduzione è rivolta nei riguardi dell’empatia strincto sensu, ovvero verso l’empatia in quanto oggetto di un’esperienza di un’intuizione fenomenologica;
  2. una seconda riduzione, invece, è rivolta nei riguardi dell’empatia nel senso di «esperienza di una coscienza empatizzata» – ovvero verso tutto ciò, all’interno del quale, l’empatia medesima è già stata ridotta -.

Non dimentichiamo che restano due gli “spazi” conoscitivi dove svolgere ed attingere conoscenza, nella fenomenologia husserliana: quello delle “cose” – regolato dalla causalità – e quello degli alter ego – caratterizzato dall’intenzionalità empatica –.

Husserl sostiene che un soggetto empatizzato – l’alter ego – ed il relativo “esperire empatizzante” (del percipiente) non possono appartenere allo stesso io fenomenologico.  Anche in questo caso, si tratta di un concetto non particolarmente difficile da comprendere, una volta fatta un po’ di chiarezza. In breve, possiamo affermare che, quando io “empatizzo” un alter ego a me prossimo – cioè lo “riduco” attraverso un’esperienza empatica -, l’empatizzato medesimo non coincida con il mio “esperire empatizzante”: «nessun canale conduce dalla corrente empatizzata a quella corrente alla quale appartiene l’empatizzare stesso.» Riduciamo all’osso l’intera questione: ciascun io fenomenologico, da una parte, è, per l’appunto, un io fenomenologico che percepisce, esperisce, attende, ricorda ed esegue la riduzione sull’oggetto intenzionale della propria esperienza percettiva. Ma, al contempo, dall’altra parte, è anche un altro “io” posto nell’empatia da parte di un alter ego che, difatti, lo empatizza. Ma anche nelle vesti di “empatizzato” – esattamente come nelle vesti di “empatizzante” – resta sempre un io fenomenologico che percepisce, esperisce, attende e via discorrendo.

Abbiamo visto che l’io è sempre in perenne riferimento al proprio corpo vivo. E questo vale sia per l’empatizzato che per l’empatizzante. In ogni caso, entrambi restano i punti centrali dell’ambiente a loro circostante. Quando rivestiamo il ruolo di empatizzante, questo è quasi immediato da intuire e percepire. Ma dobbiamo tenere a mente che anche per l’empatizzato ogni oggetto sensibile continua a mostrarsi come possibile di esperienza fenomenologica. La Natura, quindi, può essere intesa come una «legalità universale» che accoglie tutte le diverse correnti di coscienza di tutti gli io connessi tra di loro empaticamente. Questa è ciò che Husserl definisce «relazione tra monadi egologiche». Ed è una riflessione fondamentale. Perché, per l’ennesima volta, si ribadisce come il fine della fenomenologia sia, solo e soltanto, il volgere la propria attenzione sul modo di essere delle connessioni fenomenologiche – il cogliere ogni cosa “in sé” e “per sé” -.

Ricordati di votare l’articolo, se vuoi, utilizzando il tasto rate this all’inizio del post.

Commenta

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...